Elenco dei Produttori di Astrolabi e delle loro Opere nelle Terre Islamiche

 450,00

Vol.2,for.21×27,pag.1190,ill.969,b/n.869,col.100,lin.Fra

rilegatura cartonato

con elegante cofanetto

Disponibile su ordinazione

Add to Wishlist
Add to Wishlist

Descrizione

Apice della conoscenza, simbolo di sfere, complesso di geometrie, figura del mondo, guida alla saggezza, l’astrolabio ha da tempo suscitato curiosità e ammirazione. Il suo utilizzo per risolvere problemi geometrici, le sue applicazioni pratiche per la conoscenza del cosmo, l’ingegno del suo disegno e la bellezza spesso eccezionale della sua incisione ne hanno fatto lo “strumento del Re”.
In tutta la storia dell’Islam e del Cristianesimo, è l’unico strumento scientifico di cui abbiamo un buon numero di copie fatte dai primi secoli dell’Egira fino a quando cadde in disuso nel X secolo IX secolo dC. Vale a dire se costituisce materia d’elezione per lo studio della progettazione e realizzazione di strumenti astronomici e, al di là anche, della trasmissione del pensiero ereditato dai Greci e del suo instradamento attraverso l’Islam fino al Cristianesimo e forse anche ad altri culture lontane. Colma le lacune lasciate nella nostra conoscenza da testi letterari e manoscritti che trattano di strumenti antichi.
Il progetto di Alain Brieux e Francis Maddison è nato dal compositore, un repertorio di astrolabi e strumenti scientifici porti una firma, realizzato in terre dell’Islam o ispirati dalla tradizione islamica. Ogni strumento è stato oggetto di una scheda descrittiva che include idealmente la successione dei proprietari, la data di produzione, una descrizione fisica, la decifrazione dei testi e una bibliografia. Alain Brieux e Francis Maddison avevano optato per una classificazione alfabetica dei produttori di astrolabi.Decidendo di strutturare il libro in “capitoli”, si è voluto evidenziare i luoghi di produzione e, di conseguenza, quello che viene chiamato il “tipo” degli strumenti. Dodici capitoli sono quindi dedicati ciascuno a uno dei “tipi” di strumenti individuati da Brieux e Maddison: I. Grandi costruttori di strumenti antichi di tipo arcaico orientale, l’Iraq abbaside; II. Liutai di tipo andaluso; III. Fattori di strumenti di tipo persiano; IV. Liutai di tipo siro-egiziano; V. Fattore di strumento di tipo bizantino; VI. Fattori di strumenti di typo Maghrebin; VII. Liutai di tipo giudeo-arabo; VIII. Fattori di strumenti di tipo indiano; IX. Liutai di tipo ottomano; X. Costruttori di strumenti di tipo armeno; XI. Produttori di strumenti di tipo Mughal; XII. Fattori europei e americani; XIII. Fattori non classificati (tipo non indicato). L’ordine di classificazione di tali capitoli è ordinato dalla data di esecuzione del primo degli atti menzionati. Un tredicesimo capitolo è dedicato a strumenti che non abbiamo integrato altrove per mancanza di informazioni sulla loro “tipologia”.

Informazioni aggiuntive

Peso 3,5 kg
Editore

BREPOLS

Anno

2022

Autore

Alain Brieux Francis Maddison Youssef Ragheb Bruno Halff

Spedizione/Shipment

in 15 Giorni/Days

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Elenco dei Produttori di Astrolabi e delle loro Opere nelle Terre Islamiche”